MANHOLE

Recensione a cura di Kami

Titolo: 이상한 나라의 필 / Maenhol: Isanghan Naraui Pil / Manhole: Wonderland's Feel
Genere: Commedia Romantica, Fantasy
Anno: 2017 - dal 09.08.2017 al 29.09.2017
Episodi: 16 episodi da 60 minuti circa
Casa di produzione: Coreana - KBS

PER PIÙ INFO » DIC Forum - Sito Ufficiale - Drama Wiki
MERCHANDISING » Colonna sonora

Cast

Cast principale

Kim Jae Joong

Bong Pil

Uee

Kang Soo Jin

Jung Hye Sung

Yoon Jin Sook


Cast secondario

Baro

Jo Suk Tae

Lee Sang Yi

Oh Dal Soo

Kang Hong Suk

Yoo Goo Gil

Trama

Bong Pil è innamorato dall'infanzia della sua migliore amica e vicina di casa, Kang Soo Jin. Pil sognava di diventare un atleta quando andava al liceo ed era il migliore, ma a causa di un infortunio, ha dovuto abbandonare il suo sogno e ora studia da ben tre anni per diventare un impiegato statale, continuando però a fallire il test d'ammissione.
Pil trascorre le giornate oziando e girovagando nel suo quartiere, sempre più abbattuto e frustrato per la mancanza di coraggio di dichiarasi a Soo Jin e condivide le sue ansie con i propri amici dai tempi della scuola. Le persone più vicine a Pil, che compongono l'affiatato gruppo sono:
Yoon Jin Sook, è la migliore amica di Soo Jin, la più intelligente del gruppo e dalla personalità estremamente diretta e carismatica; è praticamente l'amica ideale per un ragazzo, con i suoi modi di fare poco femminili. Jo Suk Tae è il migliore amico / nemico di Pil. Fin dal liceo è stato sempre un gradino più in basso rispetto all'amico e ciò lo ha portato a sviluppare una sorta di competizione con lui; e ovviamente c'è Kang Soo Jin, la ragazza più bella del quartiere, da sempre appassionata di fotografia. Nonostante il suo aspetto sofisticato, è un po' imbranata quando si tratta di relazioni sentimentali. Infatti essendo la ragazza più vicina a Pil da tutta la vita, non sembra accorgersi del significato nascosto dietro le attenzioni speciali che le riserva il ragazzo... o forse si?
Un giorno, il peggior incubo di Bong Pil diventa realtà: Soo Jin lo invita al proprio matrimonio con il bellissimo farmacista Park Jae Hyun. Questa sembra essere la fine dell'amore a senso unico di Pil, dato che di lì ad una settimana l'unica donna che abbia mai amato nella vita, si sposerà.
Preso dalla disperazione e incoraggiato dagli amici, decide di fare un ultimo tentativo di dichiararsi nonostante le scarse probabilità di successo. Proprio mentre sta per iniziare il discorso, durante una passeggiata con Soo Jin, si allontana un attimo colto dall'agitazione, ma qualcosa di inaspettato accade quella sera: attraverso un tombino, Pil torna indietro nel tempo di dieci anni, quando era ancora un liceale. Si risveglia in classe durante la lezione, spaesato e confuso di vedere i suoi amici nelle vesti di adolescenti mentre lui ha mantenuto la sua età di ventottenne. L'incredibile ritorno nel passato (che non sarà l'unico) permetterà a Pil di fermare il matrimonio della sua amata Soo Jin? E soprattutto, modificando le scelte passate, quali ripercussioni ci saranno nel futuro del protagonista e dei suoi amici?

Commento

Quando lessi la trama di MANHOLE: WONDERLAND'S FEEL, rimasi a dir poco interdetta "viaggiare nel tempo attraverso un tombino? Roba da pazzi." In ogni caso, decisi di fare un tentativo per gustarmi l'assurdità della situazione e incredibilmente... il drama mi è piaciuto molto!
Bong Pil, interpretato dal bravo e bello Kim Jae Joong è un personaggio molto peculiare e soprattutto imprevedibile. Lo vediamo rimanere impotente accanto a Soo Jin per 28 anni (praticamente tutta la vita) nel ruolo del perfetto migliore amico che si prende cura di lei, le organizza indimenticabili compleanni, la sostiene, difende ed incoraggia. Sempre in bilico tra la paura di fare il grande passo e confessare il suo amore e la paura di perdere la loro bellissima amicizia, non possiamo dire che Pil riesca a nascondere completamente i suoi sentimenti per lei.
Lo vediamo anche fare scenate di gelosia, divenire estremamente protettivo e impacciato nei suoi innumerevoli tentativi nel corso degli anni di dichiararsi alla ragazza. Insomma, ci sono state svariate volte in cui Pil ha lanciato dei messaggi a Soo Jin e allora, ti viene da chiederti: come mai lei non li ha mai colti? Davvero non prova nulla nei suoi confronti, oppure c'è qualcosa nel passato che non ci è stato svelato? Per scoprirlo non dovete far altro che seguire Pil nei suoi innumerevoli viaggi nel tempo, dove poco a poco si svelano dei tasselli fondamentali per comprendere le motivazioni che hanno portato Soo Jin a scegliere il matrimonio con un'altra persona. La storia di questo drama inizia con uno dei più famosi e scontati cliché a cui siamo abituate ma che personalmente mi piace sempre: l'amore tra amici d'infanzia.
Nonostante le premesse poco originali che ricordano tanto il film The Butterfly Effect (tralasciando il fatto del tombino), lo svolgimento della trama mi ha intrigata sin dal principio. I viaggi nel passato di Pil, sono innumerevoli e seguiti sempre ad un ritorno nel presente che però è totalmente stravolto e sconosciuto per il nostro protagonista. A volte le cose sembreranno essere migliorate mentre altre volte Pil si troverà in situazioni paradossali ed inaccettabili.
Grazie alla modifica degli eventi passati, possiamo assistere ad una caratterizzazione a 360 gradi dei personaggi che cambieranno i loro stili di vita, il loro modo d'interagire e le loro scelte in ambito lavorativo e sentimentale, ed è proprio questa dinamicità che mi ha fatto apprezzare tanto il drama.
In una storia dove il passato, presente e futuro, cambiano costantemente, l'unico punto fermo sarà sempre e solo l'amore che Pil prova per Soo Jin. Il cast è stato azzeccato ed ognuno ha mostrato una buona performance, dando vita ad un gruppo di amici molto affiatato e divertente da seguire.
Unico punto debole per me, è stata l'interpretazione di Uee, che ho trovato un po' statica e rigida, ma non compromette la visione essendo Pil, il protagonista assoluto a differenza delle altri figuri di "contorno".
La scenografia mi è piaciuta molto, principalmente il drama è ambientato nel quartiere in cui vivono e lavorano i ragazzi senza risultare mai monotono, piuttosto crea una piacevole sensazione d'intimità e tranquillità che avvicina lo spettatore alla quotidianità dei protagonisti, portandolo a farne parte. In conclusione, consiglierei questo drama?
Assolutamente sì se cercate una commedia romantica imprevedibile, sovrannaturale ma non ridicola, che mescola deliziosamente risate a momenti commoventi. Non lasciatevi spaventare dal "Manhole" e date una possibilità a questa dolcissima storia.