GOOD DOCTOR

Recensione a cura di Valinor

Titolo: 굿 닥터 / Good Doctor
Genere: Medico, Umanistico, Drammatico, Familiare, Romantico
Anno: 2013 - dal 05.08.2013 al 08.10.2013
Episodi: 20 episodi di circa 60 minuti
Casa di produzione: Coreana - KBS

PER PIÙ INFO » DIC Forum - Sito Ufficiale - Drama Wiki
MERCHANDISING » Colonna sonora - DVD

Cast

Cast principale

Joo Won

Park Shi-On

Moon Chae-Won

Cha Yoon-Seo

Joo Sang-Wook

Kim Do-Han


Cast secondario

Kim Min-Seo

Yoo Chae-Kyung

Cheon Ho-Jin

Choi Woo-Seok

Kwak Do-Won

Kang Hyun-Tae

Kim Young-Kwang

Han Jin-Wook

Jin Kyung

Nam Joo-Yeon

Ko Chang-Seok

Jo Jung-Mi

Trama

Park Shi On è un ragazzo decisamente particolare, un vero genio della medicina. Sembra avere poteri quasi magici. Quando si tratta di malati e malattie, capisce subito il problema e cerca una soluzione. Gran bel dono, quindi va tutto bene, sarà come minimo un chirurgo ricco e potente, vero? E invece no, lui vive appartato, perché Shi On è autistico. Non è stupido, per niente, ma può sembrarlo, perché ha grandi problemi relazionali, e non riesce bene ad esprimere i suoi sentimenti. Non solo, ma è anche un savant, cioè una di quelle rare persone autistiche che hanno tratti di vera genialità in uno specifico campo, nel suo caso la medicina. Grazie ad un medico che capisce quanto lui sia dotato, e sa della sua dolcezza, può studiare pediatria, ma come farà in un grande ospedale dove tutti lo guardano dall'alto in basso? Che vuole quel ritardato, che non ti dà neanche la mano quando ti incontra e non ti guarda negli occhi? Vuole fare il medico? Ma per favore. Nessuno lo accetterà e gli darà fiducia. Forse. E forse no.

Commento

Good Doctor è un drama splendido. Può sembrare banale dirlo, ma è così. Ha tutto ciò che occorre: è delicato, profondo, intenso, intelligente, non banale, dolce, positivo, pieno di speranza, tenero. E con un finale come si deve, perfetto per la storia raccontata. Una conclusione che non si scorda i pezzi, che non lascia cose in sospeso, che chiude senza errore tutte le storie. Insomma, ha un vero finale, ed è giusto rimarcarlo, visto che si parla di un drama coreano (sappiamo bene che le conclusioni di solito non sono il loro forte). Inoltre è un medical, ma lo è in modo decisamente particolare. Innanzitutto non ti dà l'angoscia. Certo parla (anche) di malati, ma c'è modo e modo di farlo. Io non amo i medical (siano essi americani, italiani, coreani o altro), perchè vederli mi deprime, hanno un modo molto pesante di raccontare le cose, per non parlare delle scene operatorie, eccessive e con un notevole compiacimento nel mostrare sangue e affini. Good Doctor non è così.
È la delicatezza fatta a drama, ma questo non vuol dire superficialità, sia ben chiaro.
È un drama che sa affrontare, con classe, dignità e profondità tutti i temi, senza mai eccedere. Infatti la misura è la sua cifra principale. E poi ha dei personaggi meravigliosi, che sono la cosa più importante. Tutti hanno una loro storia, loro percorsi, loro cambiamenti, e i dialoghi non risultano mai banali o mero riempitivo, è gente che ha cose da dire e sa come dirle. Nel drama non troverete i soliti cartonati, personaggi cliché che ripetono stancamente sempre le stesse cose, con profondità psicologica tipo pozzanghera, ma uomini e donne a tuttotondo, veri e umani.
E poi c'è Park Shi On. Un protagonista unico, assolutamente indimenticabile. Un cucciolo adorabile, ma anche un vero uomo, bambino e adulto insieme, che finirà per modificare la vita di tutti, anche la sua. Non facendo gesti plateali, ma essendo semplicemente se stesso, con i sui limiti e la sua forza. Un ragazzo puro e trasparente che dovrà fare un lungo cammino, perché parte da molto indietro. Autistico, savant, poco portato ai rapporti sociali, con difficoltà a guardare la gente negli occhi, quando dice di voler fare il chirurgo pediatrico viene compatito, come se fosse un idiota, un ritardato, un deficiente incapace. Un fenomeno da baraccone, alle cui spalle ridacchiare. E lui lo sa, è acutamente consapevole di non essere come gli altri. Che non sarà mai come gli altri. E non scordiamoci che siamo in Corea, dove l'ossessione per la perfezione è una malattia sociale a cui sacrificare tutto. In cui l'anormalità viene spesso nascosta come polvere sotto il tappeto, ignorata, respinta.
Non sempre e non da tutti, ovvio, ma certo più che altrove. In questa società Park Shi On lotta per i suoi sogni e le sue speranze. Quante possibilità può avere uno come lui? E' quello di cui parla il drama, ma lo fa senza le classiche coreanate, la gente non passa il tempo a piangersi addosso o ad angstare. Spera. Lotta. Agisce. In altre mani meno capaci, una sceneggiatura basata su questi temi delicati sarebbe venuta fuori inguardabile, come il più becero dei drama, invece... Sia sempre lode allo sceneggiatore, un uomo degno del massimo rispetto, di cui senza dubbio seguirò i prossimi lavori. Perché uno che riesce a toccarti il cuore così, con soavità e delicatezza, merita di essere premiato e lodato. Good Doctor è un medical che ti lascia con un senso di beatitudine dentro, positivo e pieno di speranza. Per qualcuno forse sarà solo un drama buonista, ma non è così. Poi è chiaro che il goderselo o meno dipende dalla sensibilità personale, ma se si lascia aperto il cuore, questo drama saprà scaldarlo. Joo Won per questo ruolo è stato premiato. Io ho avuto la soddisfazione di leggere grandi e meritati complimenti da medici, da chi si occupa di persone autistiche, da molti di loro, dalla gente e dai media, non solo dai fan dell'attore. Una interpretazione perfetta. Vedere per credere.
Altro che idol, prendano esempio gli altri, su come si recita, sul coraggio di cambiare e affrontare le sfide, sul mettersi in gioco con parti sempre diverse.