GOBLIN

Recensione a cura di Camills

Titolo: 쓸쓸하고 찬란하神-도깨비 / Sseulsseulhago Chalranhashin-Dokkaebi / Goblin /
Goblin: The Lonely and Great God / Guardian: The Lonely and Great Go
Genere: Commedia Romantica, Fantasy
Anno: 2016 - dal 02.12.2016 al 21.01.2017
Episodi: 16 da circa 60 minuti
Casa di produzione: Coreana - tvN

PER PIÙ INFO » DIC Forum - Sito Ufficiale - Drama Wiki
MERCHANDISING » Colonna sonora - DVD

Cast

Cast principale

Gong Yoo

Kim Shin

Kim Go Eun

Ji Eun Tak


Lee Dong Wook

Grim Reaper

Yoo In Na

Sunny

Yook Sung Jae

Yoo Duk Hwa


Cast secondario

Lee El

Nonnina dei nascituri

Jo Woo Jin

Secretario Kim

Kim Sung Kyum

Nonno di Duk Hwa

Trama

Nei tempi antichi, Kim Shin era un generale imbattibile in guerra, ma il giovane re che lui serviva era geloso del suo generale e lo fece uccidere in un modo atroce: il soldato più leale di Kim Shin lo dovrà pugnalare con la sua spada. Kim Shin diventa quindi il Goblin, creatura leggendaria dalla vita immortale. Kim Shin ringrazia la sua buona stella di essere ancora vivo, ma ben presto capisce che la sua vita sarà una lunga maledizione: avrà anche poteri magici, ma è destinato a vedere crescere, invecchiare e poi morire le persone intorno a lui.
La leggenda narra che il Goblin sarà libero solo quando troverà la sua sposa, ella infatti, avrò la capacità di togliergli la spada dal petto, rendendolo così un mortale capace di giungere alla morte. Dopo 900 anni, Kim Shin arrivato al ventunesimo secolo senza aver ancora incontrato la sua sposa, è quasi senza speranza, finché una sera salva la vita di una giovane donna che lo prega di salvarla, non per sé, ma per la bimba che porta in grembo.
Nel frattempo, il Grim Reaper venuto a raccogliere l'anima della donna, non trovandola si mette in cerca della sua anima e si scontra con Kim Shin.
La donna dà alla luce una bellissima bambina, Ji Eun Tak, proprio quella bambina ha la facoltà di vedere, sentire e quindi aiutare gli spiriti. Ed è lei la destinata, colei che porta il marchio della sposa del Goblin. La bambina perde la madre in giovane età e proprio la stessa notte incontra il Grim Reaper, che le risparmia la vita grazie ad un'anziana e misteriosa signora.
Eun Tak ormai cresciuta, frequenta le scuole superiori e attorno a lei vede e sente gli spiriti che le sussurrano di essere la sposa del Goblin.
Il giorno del suo compleanno Eun Tak si reca al mare e sedutasi sulla scogliera con una torta, esprime un desiderio spegnendo le candeline. All'improvviso dietro di lei appare Kim Shin.
Entrambi non ne sanno il motivo, ma Eun Tak spegnendo le candeline ha richiamo il suo sposo. Kim Shin infatti è riuscito a sentire nella sua testa le preghiere della ragazza.
Gli incontri tra i due si fanno sempre più frequenti, fino a che un giorno lei scopre chi sia lui realmente e Kim Shin viene a sapere di aver finalmente incontrato la sua sposa. Ora che la libertà si è avvicinata ne è quasi intimorito.
Il Goblin e la sua sposa iniziano a conoscersi vivendo insieme nella stessa casa e non sono soli, a far loro compagnia c'è non poco di meno che il Grim Reaper.

Curiosità

Alcune riprese sono state girate in Quebec, Canada.

Commento

La sceneggiatura è ben scritta e mai banale: ogni piccola azione o scena non vengono mai lasciate al caso, tutto ha un suo perché. Anche il minore dei personaggi ha un ruolo ed uno scopo ai fini della storia. A differenza di altre produzioni non ci sono buchi narrativi o tempi morti, la storia procede senza intoppi e ad ogni domanda e quesito introdotto vi è sempre una risposta. La storia ed i suoi personaggi hanno la capacità di creare un legame empatico con lo spettatore: non è difficile immedesimarsi nelle situazioni affrontate dai suoi protagonisti, comprendere i loro sentimenti ed emozioni. Ti ritrovi a ridere con loro, a piangere con loro e fare il tifo per loro. Tutto questo accompagnato da uno stile narrativo e lessico che trasformano ogni dialogo e monologo in pura poesia. L'altro punto di forza è la capacità, con la quale l'autrice è in grado di smorzare i momenti più drammatici e tristi alternandoli a scene divertenti ed esilaranti. Evitando di cadere troppo sul pesante e giocando sull'autoironia. Una grandissima sintonia e chimica tra tutti i membri del cast ed un livello di recitazione altissimo, con una Bromance che sarà difficile da dimenticare.
Gong Yoo conferma la sua bravura come attore, capace di entrare facilmente in sintonia col pubblico. Ha una forte presenza scenica, anche stando semplicemente immobile o solo con lo sguardo è in grado di comunicare emozioni e pensieri.
Kim Go Eun è una vera scoperta, in Goblin la sua recitazione è a livelli altissimi. Che sia una scena romantica, triste o divertente Kim Go Eun riesce in ogni inquadratura o angolazione ad essere raggiante, ad emanare quella “luminosità” che caratterizza il personaggio di Eun Tak.
Lee Dong Wook l’ho sempre adorato come attore, mi fa piacere che con Goblin anche tantissime persone se ne siano rese conto. Anche lui come Gong Yoo, ha una forte empatia con il pubblico ed in grado di portare in scena le diverse sfumature del Reaper. Spero che questo drama sia la sua rivincita verso tutti i passati progetti, che in questi anni si sono rivelati un buco nell’acqua.
Goblin non è eccezionale solo dal punto di vista dei contenuti, ma anche su quello visivo. Lo stile, le scenografie e le ambientazioni sono curatissime, in ogni episodio sembra quasi di vedere un piccolo film. Ci sono delle scene visivamente così belle e suggestive da rimanere facilmente impresse nella memoria.