DEFENDANT

Recensione a cura di Valinor

Titolo: 피고인 / Defendant
Genere: Legale, Thriller
Anno: 2017 - dal 23.01.2017 al 21.03.2017
Episodi: 18 episodi di circa 60 minuti
Casa di produzione: Coreana - SBS

PER PIÙ INFO » DIC Forum - Sito Ufficiale - Drama Wiki

Cast

Cast principale

Ji Sung

Park Jung-Woo

Uhm Ki-Joon

Cha Min-Ho /
Cha Sun-Ho


Kwon Yuri

Seo Eun-Hye

Oh Chang-Suk

Kang Joon-Hyuk

Uhm Hyun Kyung

Na Yeon-Hee


Cast secondario

Son Yeo-Eun

Yoon Ji-Soo

Shin Rin-Ah

Park Ha-Yeon

Park Ho-San

Choi Dae-Hong

Lee Sin-Seong

Ko Dong-Yoon

Jang Gwang

Cha Young-Woon

Yun Yong-Hyeon

Bangjang

Trama

Park Jung Woo è un integerrimo e bravo procuratore presso l'Ufficio della Procura di Seoul. Ha una bella moglie, una bella bambina, una vita tranquilla, uno stipendio decoroso e il rispetto di amici e colleghi (nonché di parecchi delinquenti). Una vita a cui non manca niente. Dopo aver festeggiato il compleanno di sua figlia va a dormire, il giorno dopo lo attende il lavoro. Ma al mattino apre gli occhi... e si ritrova in carcere.
Non sa perché. Non ricorda nulla, per lui la sera prima c'era stata la festa per la bimba. Invece scopre che sono passati quattro mesi, e che è dentro per aver ucciso sua moglie e sua figlia. È in attesa di giudizio, che di certo sarà il peggiore, vista la mole di prove a suo carico. La disperazione e l'incredulità di Jung Woo sono totali e sconvolgenti, come potrebbe mai aver fatto una mostruosità del genere e non ricordarsela?
Non solo, ma a quanto pare la sua amnesia è ciclica, gli è già successo altre volte da quando è in prigione. Inizia ad indagare per capire cosa è accaduto, ma ad un certo punto i suoi ricordi si azzerano di nuovo.
Cosa sta succedendo? Sta forse impazzendo? E chi sono le figure che tramano nell'ombra? Perché deve essere lui il colpevole?

Commento

Ho appena finito di vedere Defendant, e posso dire, senza alcun dubbio, che entra di diritto nel novero dei miei drama preferiti in assoluto. Quelli che sanno toccarti il cuore, ma farti anche pensare. Quelli che sono magnifici dall'inizio alla fine e non trattano lo spettatore come un cretino. Quelli che hanno una bella storia da raccontare e non sono una passerella per gli idol di turno. Defendant è iniziato con scarsissima pubblicità, giusto il minimo sindacale. D'altronde è un drama ambientato in una prigione, che non è esattamente un set patinato, niente case che trasudano ricchezza, senza i costumi splendenti dei sageuk, senza effetti speciali, e con un cast di interpreti strepitosi, ma non troppo conosciuti a livello generale. Ji Sung, per me, è forse l'attore più bravo che c'è al momento in Corea (lo aveva già dimostrato con Kill Me Heal Me), ed Uhm Ki Joon è davvero ottimo, ma non sono i primi nomi che ti vengono in mente per un drama che trascini le folle.
E poi non c'è neanche l'ombra di romance, solo nude pareti scrostate. Jung Woo che vive un'ordalia micidiale, ingiustizie, sofferenze sue e tue che guardi, frustrazioni come se piovesse, i Cattivi sempre un passo avanti, la convinzione che coi soldi si può fare tutto. Forse. E forse no. Non proprio un drama classico, magari più da reti via cavo (che amano sperimentare), non te lo aspetteresti in prima serata sulla SBS, quindi perché sprecarsi a fare battage pubblicitario per un drama di nicchia che guarderanno in 4? Detto fatto, tutti a sperticarsi in articoli sugli altri drama in onda, tanto quel thriller carcerario non invoglia, manco un bacetto puoi aspettarti. Certo. Ed è stato in prima posizione ogni puntata. E ha finito al 30% di share. Una cifra mostruosamente alta, che negli ultimi anni davvero pochi titoli possono vantarsi di avere raggiunto, e di ben altro genere. Tutto grazie al passaparola di chi ha iniziato a vederlo e ne è rimasto conquistato, così ha giustamente sparso la voce. E puntata dopo puntata è cresciuto esponenzialmente man mano che la trama si dipanava. Perchè? Perchè Defendant è innanzitutto una storia bellissima recitata benissimo, con personaggi umani e sfaccettati, una sceneggiatura impeccabile che non si scorda i pezzi per strada, e una conclusione degna di questo nome, perfetta per il tipo di storia raccontata. Un drama che non ti fa imprecare per i buchi di sceneggiatura o le cose inverosimili mostrate, perché non ce ne sono.
E se pure esiste qualche sbavatura, è poca cosa, giusto minuscoli frammenti di scarsa importanza, mentre il racconto procede sicuro. Unico caso a mia memoria in cui un allungamento di 2 puntate, non solo non è stato dannoso, ma ha dato ulteriore spessore e profondità a tutto, ci voleva, o il finale sarebbe sembrato affrettato.Vedetelo, merita davvero.