CIRCLE

Recensione a cura di Valinor

Titolo: 써클: 이어진 두 세계 / Circle: Two Connected Worlds
Genere: Fiction scientifico e Mistery
Anno: 2017 - dal 22 maggio al 27 giugno 2017
Episodi: 12 da 60 minuti
Casa di produzione: Coreana - tvN

PER PIÙ INFO » DIC Forum - Sito Ufficiale - Drama Wiki

Cast

Cast principale

Yeo Jin-Goo

Kim Woo-Jin

Kong Seung-Yeon

Han Jung-Yeon


An Woo-Yeon

Kim Beom-Gyoon

Kim Kang-Woo

Kim Joon-Hyuk

Lee Gi-Kwang

Lee Ho-Soo


Cast secondario

Seo Hyun-Chul

Hong Jin-Hong

Kim Joong-Ki

Kim Kyu-Cheol

Seo Hyun-Chul

Hong Jin-Hong

Oh Eui-Sik

Lee Dong-Soo

Min Sung-Wook

Lee Hyun-Seok

Nam Myung-Ryul

Yoon Hak-Joo

Trama

Circle si divide in due parti: "Parte 1: Progetto Beta" (2017) e "Parte 2: Nuovo Mondo" (2037).
Ogni puntata è divisa perciò a metà, il racconto non saltella da un periodo all'altro.
Un formato innovativo per il primo vero drama di fantascienza coreano.
2017: una serie di strani suicidi di ragazzi sconvolge l'Università di Seoul. Woo Jin è un brillante studente di quella scuola, che si ritrova accanto suo fratello gemello Beom Gyun, appena uscito di galera. Ne è felice ma anche preoccupato, perché il fratello è finito dentro (ed ha avuto anche cure psicologiche) per la sua fissazione, sconfinante nell'ossessione, per gli alieni, sicuro che siano già tra noi e siano pericolosi. Certo entrambi i gemelli avevano avuto una strana esperienza da bambini, ma Woo Jin ne è convinto: gli alieni non esistono.
2037: la Terra, sempre più inquinata, è diventata un posto quasi invivibile, dove la gente sopravvive come può.
Vicino Seoul è stata creata Smart City, un progetto di società perfetta, dove tutto è ordinato e tranquillo, niente criminalità grazie al "sistema curativo calmante", un chip inserito sottopelle che impedisce le emozioni estreme come rabbia o disperazione. Certo, possono accedervi solo i più ricchi perché viverci costa, ma vale la pena per respirare aria pulita ed essere sempre felici. Solo che in questo paradiso avviene un brutale omicidio, e non sapendo come indagare, viene chiamato un detective della Città Normale, Joon Yeok, che non ha chip calmanti.

Commento

Amo questo drama come raramente mi è capitato, mi è piaciuto tutto, dalla prima all'ultima scena. Ho seguito ogni puntata con gioia, ansia, speranza, ho adorato la storia, i personaggi, il ritmo, i temi trattati, gli attori, ogni suo pezzo. Di certo arriva ai primissimi posti della mia personale classifica doramica, perché Circle ha un dono molto raro: sa toccarti il cuore e rispettare la tua intelligenza. Ti fa pensare, ti pone interrogativi moralmente impegnativi, e non ti tratta come un cretino che deve accettare ogni assurdità. Ma sa anche emozionarti e farti partecipare alle vicende dei suoi meravigliosi protagonisti.
Circle ha innanzitutto una signora trama, perché se non hai una storia forte, puoi avere anche il cast migliore del mondo, ma non andrai lontano. Inoltre è un raro caso di progenitore: il drama numero uno di (spero) una lunga serie, e anche per questo merita rispetto e di non essere confuso con gli altri.
Questo drama è il primo fantascientifico puro mai fatto in Corea come drama, quindi è sperimentale, coraggioso, innovativo. Certo, abbiamo avuto altri casi di tocchi fantascientifici prima (ad esempio il bellissimo Tunnel), ma quelli erano appunto thriller con elementi futuristici, quì è diverso. La base stessa è di fantascienza, genere che adoro, e di quel genere segue stilemi e leggi. Ma lo fa "alla coreana" (detto in senso buono), perché ci mette dentro molto del loro modo di sentire. Non hanno cercato di scopiazzare la fantascienza di oltreoceano, ne hanno creata una propria, Circle, così come è stato realizzato, potevano farlo solo in Corea, e l'ho davvero apprezzato. Consiglio di vederlo, perché uno così non c'è mai stato prima.