CAPITAL SCANDAL

Recensione a cura di Misa Ji-hye e Lali

Titolo: 경성스캔들 / Capital Scandal / Scandal in Old Seoul
Genere: Sentimentale, Drammatico
Anno: 2007 - dal 06.06.2007 al 02.08.2007
Episodi: 16 episodi di circa 60 minuti
Casa di produzione: Coreana - KBS

PER PIÙ INFO » DIC Forum - Sito Ufficiale - Drama Wiki
MERCHANDISING » Colonna sonora - DVD

Cast

Kang Ji-Hwan

Seon Woo-Wan

Han Ji-Min

Na Yeo-Kyeung

Ryu Jin

Lee Soo-Hyeon

Han Go Eun

Cha Song-Joo

Yun Ki-Won

Lee Kang-Ku

Ahn Suk-Hwan

Mamoru Ueda

Trama

Corea anni 30: il paese è sotto la dominazione giapponese. Seon Woo Wan è un ragazzo giovane, bello e ricco che ama divertirsi, oziare e conquistare donne, ha studiato in Giappone e non ha nessun rancore verso la dominazione nipponica; Na Yeo Kyeong è invece una giovane ragazza molto legata alle tradizioni coreane (una delle poche che in città indossa ancora il tradizionale abito coreano - l'hanbok), maestra che possiede una libreria, è una combattente che appartiene ad un'organizzazione integralista segreta che lotta per la libertà del suo paese.
Seon Woo Wan, di ritorno da un viaggio in Giappone, dove ha lasciato l'ennesima donna vittima del suo fascino, porta con sé proprio una valigia simile a quella che la giovane Yeo Kyeong sta aspettando alla stazione e che dovrebbe contenere dei documenti e materiale per l'attività dell'organizzazione. Il giovane, ovviamente ignaro delle intenzioni della ragazza, vorrebbe solo evitare lo stuolo di donne che stanno aspettando il suo ritorno in stazione e approfitta del fatto che la giovane Yeo Kyeong le si avvicina, per prenderla sotto braccio, fingendo di essere un'altra persona. Ma in un attimo di distrazione dell'uomo, Na Yeo Kyeong prende la valigia e se ne và secondo il piano.
Peccato che quella non sia valigia predestinata, anzi all'interno di essa si trova materiale fotografico vietato in patria che il giovane Woo Wan ha comprato in Giappone per i suoi amici editorialisti con cui lavora... e saranno guai quando la valigia cadrà in mano alla polizia! Nei giorni successivi Woo Wan, incastrato dai suoi amici fannulloni della redazione, accetterà la scommessa di far innamorare di lui l'antiquata maestrina Na Yeo Kyeong. Così le vite dei due ragazzi si intrecceranno in un crescendo di eventi in cui la scommessa passerà in secondo piano lasciando lo spazio ai sentimenti e all'azione.
Nel frattempo in città arriva un nuovo capo della polizia giapponese, Lee Soo Hyeon che ha legami giovanili con Woo Wan ed anche con la sua cara amica Cha Song Joo, gisaeng tra le più belle ed affascinanti della città, giovane donna che ha accettato e vissuto questa vita da cortigiana solo per un obiettivo e una promessa fatta in giovane età.
Le vite di queste quattro persone saranno sempre più strettamente legate tra loro sullo sfondo della lotta di un paese per la libertà

Commento

Giustamente premiato ai KBS award del dicembre 2007 (miglior coppia Kang Ji Hwan - Han Ji Min) questo drama è sicuramente uno dei migliori dell'annata 2007 nonostante non abbia avuto un alto rating.
Molteplici le motivazioni per non perderlo, tra tutti spicca l'ottima interpretazione di Kang Ji Hwan. L'attore mostra tutte le sue qualità interpretative nei panni del divertente, estroverso, buffo, benestante e viziato Seon Woo Wan. Il suo personaggio cattura lo spettatore e l'ottima intesa con la dolce Han Ji Min ne fanno una delle coppie più interessanti sullo schermo.
La storia d'amore è composta dai due classici elementi: l'uomo bello, affascinante, esperto e donnaiolo e la donna carina e impacciata (in campo amoroso) ma molto determinata e cocciuta. E il drama ci narra, tra complotti ed intrighi sullo sfondo di una Corea anni '30 sotto la dominazione giapponese, la vita di questo giovane riccastro che si "diverte" a lavorare con amici in una redazione che pubblica articoli scandalistici ma si trova di fronte ad un mondo che gli è totalmente estraneo, i ribelli, ovvero coloro che complottano ed uccidono i funzionari giapponesi, coloro che vogliono la libertà del loro paese anche a costo della vita stessa. Queste persone appaiono all'inizio agli occhi di Woo Wan come uomini folli che non si godono la vita ma preferiscono vivere nel mistero e nella clandestinità per la salvezza della Corea. L'uomo, per una serie di motivazioni, inizierà a comprendere il motivo sincero e profondo che spinge i ribelli ad unirsi in questa organizzazione segreta che complotta contro i giapponesi e così quello che poco tempo prima gli appariva come un atteggiamento folle e assurdo, diventa lentamente il quotidiano: lottare e rischiare la vita per una causa comune nonchè per un sentimento profondo che non aveva mai provato prima nei confronti di una donna.
La dolce Na Yeo Kyeong, chiamata buffamente Jomaja, è la classica maestrina di paese, impettita, seria e rigida con gli uomini, rivela dolcezza e tenerezza quando insegna ai ragazzi nella sua libreria/scuola. Yeo Kyeung è fortemente determinata a portare avanti la causa dell'organizzazione anche a costo della vita e sarà la sua forte determinazione in qualsiasi situazione che colpirà molto il nostro protagonista. E' una ragazza d'altri tempi, senza nessuna esperienza in campo sentimentale, è orgogliosa e difficilmente riesce a lasciarsi andare mostrando i suoi veri sentimenti soprattutto quando scopre che questi sono diretti verso una persona così particolare ed eccentrica come Seon Won Wan.
Il ragazzo invece è esperto, sà come far cadere nelle sue braccia le donne, sà come corteggiarle ma la sua comprovata tecnica non funziona con la maestrina ed è qui che i due ragazzi mettono a nudo i loro veri caratteri mostrando le reciproche debolezze, i reciproci dolori subiti in passato e si innamorano giorno dopo giorno.
La ginsaeng, interpretata dalla brava e bella Han Go Eun, è uno dei personaggi più interessanti di questo drama, oltre ad avere fascino e portamento perfetti sia quando è abbigliata con l'hanbok, sia quando indossa abiti succinti di origine occidentale (bellissimi sul suo esile corpo). Non è la classica antagonista che ama il protagonista maschile e cerca tutti i modi di conquistarlo a discapito dell'inesperta protagonista. Il suo personaggio è fondamentale per lo sviluppo della vicenda, è un dolce sostegno per Yeo Kyeong, è una vera amica e confidente per Woo Wan, un aiuto per spingere i due ragazzi orgogliosi e testardi a rivelare i loro sentimenti reciproci, è una donna che ama e soffre in solitudine combattendo la sua battaglia ma non perdendo mai la dignità e la forza che la contraddistinguono. Il divario tra Cha Song Joo e Yeo Kyeong è innegabile: tanto è elegante, razionale e affascinante la prima, quando è buffa, sincera ed impulsiva la seconda, ma per una volta questo rapporto non è giocato sulla rivalità, le due donne sono complici, amiche e confidenti.
Il quartetto dei personaggi principali si completa con Lee Soo Hyeon (Ryu Jin), uomo dallo sguardo triste, poliziotto al servizio della dominazione giapponese che vuole sgominare l'organizzazione segreta che complotta contro i giapponesi. L'uomo è di poche parole, tiene tutto dentro di sé, non si sfoga, non permette agli altri di entrare nella sua vita e nel suo passato. All'inizio sembra lui l'eroe del drama, forte, misterioso, esperto e intelligente, mentre Woo Wan è spesso impacciato in situazioni di pericolo, non sa utilizzare una pistola, è eccentrico e chiacchierone. I due ragazzi però sono molto più simili di quanto appaiano anche se le loro strade sembrano così differenti.
Il quartetto è equilibrato, non ci sono rivalità in amore, non c'è invidia, ci sono quattro giovani ragazzi che il destino e l'amore ha fatto incontrare (o re-incontrare). La sceneggiatura è ottima a mio parere e la storia è portata avanti con piccoli e grandi colpi di scena che intrigano lo spettatore ad ogni puntata, intervallati da scene comiche (in cui protagonista è quasi sempre Woo Wan con i suoi amici scansfatiche).
Il drama ci presenta la situazione del paese ai tempi della dominazione giapponese sotto gli occhi profondamente diversi di un ricco figlio di papà che vive una vita agiata indipendentemente da chi domina la sua terra, e una giovane maestra fortemente legata alle traduzioni del suo paese che vuole la libertà del suo popolo, ed ancora una ginsaeng con un triste passato e una promessa da mantenere ed un poliziotto coreano che ha potuto studiare solo grazie all'aiuto del suo ricco padrone coreano ma alla fine si è messo al servizio del governo giapponese per reprimere e dominare i suoi stessi connazionali. Menzione particolare per l'interpretazione originale di Ueda Sachiko, la moglie giapponese del governatore, interpretata dalla brava Kim Hye Ok. I suoi capricci, la sua voce, i suoi movimenti sono perfettamente insopportabili e ci presentano una buffa caricatura dei giapponesi (chissà come l'hanno interpretata i nipponici...).
Altro della trama non può essere scritto per evitare di rivelare particolari interessanti che devono essere scoperti puntata dopo puntata. Il mio consiglio rimane quello di gustarvi questa storia accompagnata da una perfetta colonna sonora...buona visione!!