AKAI ITO

Recensione a cura di Stella

Titolo: 赤い糸 / Akai Ito / Threads Of Destiny
Genere: Commedia Romantica, Drammatico
Anno: 2008 - dal 06.12.2008 al 28.02.2009
Episodi: 11 episodi di circa 40 minuti
Casa di produzione: Giapponese - Fuji TV

PER PIÙ INFO » DIC Forum - Drama Wiki
MERCHANDISING » Colonna sonora - DVD

Cast

Cast principale

Nao Minamisawa

Mei Takemiya

Junpei Mizobata

Atsushi Nishino


Cast secondario

Ryo Tajima

Kamiya Mitsuru

Sayuri Iwata

Haruna Takemiya

Ryo Kimura

Riku Takahashi

Rei Okamoto

Mia Amagishi

Anna Ishibashi

Asami Tadokoro

Nanami Sakuraba

Sara Nakagawa

Trama

Le vite di Takemiya Mei e di e Nishino Atsushi si incrociano, e si scontrano, il 29 febbraio del 2000, esattamente il giorno del loro ottavo compleanno.  Entrambi hanno la peculiarità di essere nati in questo giorno particolare e raro che ricorre sono una volta ogni quattro anni. I due ragazzi si scontrano all’uscita della pasticceria dove Mei è andata ad acquistare la sua torta di compleanno accompagnata dalla madre. Quando i due realizzano di essere nati lo stesso giorno, la ragazzina regala ad Atsushi il cartellino di auguri fatto di cioccolata della decorazione della sua torta. Atsushi, non abituato a gesti così calorosi ed amichevoli, rimane incantato dal gesto e dal sorriso di quella dolce bambina.
Quasi otto anni dopo, all’inizio del nuovo anno scolastico, Mei si ritrova sulla strada di scuola accompagnata dal suo amico d’infanzia Shinozaki Yuya, di cui è segretamente innamorata. Nella nuova classe ritrova le sue migliori amiche Yamagishi Mia e Nakanishi Yuri, ed inoltre fa conoscenza con un nuovo compagno: A-kun, che null’altro è se non Nishino Atsushi. I due ragazzi non sanno di essersi già incontrati in precedenza, ma iniziano comunque a sviluppare una bella amicizia assieme ad altri compagni e compagne della classe, creando così un gel gruppo compatto ed affiatato.
Intanto Mei decide di dichiararsi a Yuya, ma proprio in quel momento lui ammette di aver preso una cotta per la sorella maggiore della ragazza. Nonostante la delusione ed il dolore per questa scoperta, il carattere solare e altruista di Mei prende il sopravvento e decide di aiutare l’amico mettendo da parte se stessa ed i suoi sentimenti per il bene di due persone che le stanno molto a cuore.
A-kun intanto racchiude in se un segreto che non vuol far trapelare tra i suoi amici. La sua situazione famigliare è molto precaria in quanto deve da anni badare a sua madre, ex tossicodipendente, ancora ricoverata in ospedale per la terapia di disintossicazione. A causa di tutto ciò la vita del ragazzo è sempre stata molto dura: sin da quando era ancora un bambino, ha sempre dovuto essere maturo e responsabile rinunciando presto alla sua infanzia.
Un giorno Mei, sua sorella e Yuya, spostando degli scatoloni con delle foto dalla stanza delle ragazze, ne fanno cadere una con ritratti Mei ed un bambino che dormono l’uno accanto all’altro. Tutti si convincono che il bimbo ritratto sia l’amico d’infanzia, ma in realtà quella foto nasconde una storia molto complicata che verrà pian piano svelata e coinvolgerà anche altre persone tra cui, naturalmente, Atsushi.
A fare da contorno alla storia dei due protagonisti ci saranno molti personaggi che intrecceranno le loro vite e le loro storie con quelle dei due ragazzi.

Curiosità

Il drama " Akai Ito" è tratto da un romanzo scritto e diffuso su cellulare nel 2006, in cui Mei racconta in prima persona della storia d'amore tra lei e Atsushi. Vista l'enorme popolarità avuta, nel 2007 sono stati tratti anche 5 volumi in versione cartacea che in Giappone hanno avuto un enorme successo ed un altissimo numero di vendite. Il libro ed i suoi personaggi si discostano abbastanza da quelli della serie del piccolo schermo in quanto la storia è più "cruda" rispetto a quella interpretata nel drama.
Oltre alla serie è stato anche creato un film che ripercorre la medesima trama del drama, utilizzando lo stesso cast.
"Akai Ito" si riferisce ad una leggenda di origine cinese sul "filo rosso del destino" dove si narra il mito degli dei che legavano un filo invisibile intorno alle caviglie di uomini e donne destinati ad essere la rispettiva anima gemella.

Commento

Akai Ito, il filo rosso del destino, è un drama di un certo spessore, ma  riesce a parlare e a sviluppare argomenti molto seri senza scadere mai nel tragico o nel pesante. Sono storie di vita che ruotano attorno a Mei e ad Atsushi e che vanno a integrare e a completare quella dei protagonisti. Ognuna è indispensabile e da un senso allo sviluppo dei vari personaggi e alla loro crescita e maturazione di passaggio tra il mondo degli adolescenti e quello degli adulti. Le scelte di adesso diverranno ben presto il futuro del domani.
Nonostante si arrivi a toccare argomenti come la tossicodipendenza,  lo spaccio di droga, la morte e quant’altro c’è di più “pesante” per un drama, è sempre tutto avvolto in una nota di positività e di speranza portata avanti da Takemiya Mei.
Una bravissima Minamisawa Nao interpreta il suo personaggio in modo solare e tenero, ma riesce anche a far emergere la forza interiore di Mei, che è sempre pronta a combattere per i propri amici e per la propria famiglia senza mai arrendersi alle difficoltà o agli imprevisti.
Bravo anche Mizobata Junpei, il nostro A-kun sempre pronto a sacrificarsi per coloro a cui vuole bene, anche se a volte le decisioni andrebbero prese interpellando tutti coloro che ne possono essere coinvolti.
Kimura Ryo ha interpretato molto bene Takahashi Riku. Taka-chan è il personaggio che, con il passare degli episodi, emerge come antagonista maschile. La sua caratteristica da “buffone del gruppo” viene però presto soppiantata dalla sua vera personalità di ragazzo insicuro e fragile. Akai Ito è sicuramente un drama che è in grado di farti piangere e sorridere allo stesso tempo. Il filo rosso del destino unisce tutti i personaggi della storia e dona a loro un futuro di speranza costruito sulla base dell’amicizia e dell’amore che riescono sempre a far superare i momenti più critici e difficili vita di ciascuno.