1 LITRE OF TEARS

Recensione a cura di Sele e Commento di Gianni

Titolo: 1リットルの涙 / Ichi rittoru no namida Ichi Rittoru no Namida / A Diary with Tears / 1 Litre no Namida
Genere: Drammatico
Anno: 2005 - dal 11.10.2005 al 20.12.2005
Episodi: 11 episodi di circa 45 minuti
Casa di produzione: Giapponese - Fuji TV

PER PIÙ INFO » DIC Forum - Drama Wiki
MERCHANDISING » Colonna sonora - DVD

Cast

Sawajiri Erika

Ikeuchi Aya

Nishikido Ryo

Asou Haruto

Yakushimaru Hiroko

Ikeuchi Shioka

Jinnai Takanori

Ikeuchi Mizuo

Narumi Riko

Ikeuchi Ako

Fujiki Naohito

dottor Mizuno

Trama

"One litre of tears" è la storia di una ragazza di nome Aya, figlia primogenita di una gioiosa famiglia che porta avanti un tofu shop. Aya è stata ammessa da poco nella nuova scuola, ha una grande passione per il basket, ed è circondata da persone che la amano, oltre ad avere un carattere solare ed un sorriso bellissimo. Tuttavia, nei primi episodi, si avverte che qualcosa non va in lei: cade spesso e ha dei momenti in cui non vede bene e ha difficoltà a leggere.
La mamma Shioka, assistente sanitaria molto amata dai pazienti, decide di portarla all'ospedale per una visita di controllo, un po' allarmata per i sintomi della figlia. Scopriamo così che Aya, alla tenerissima età di 15 anni, ha una malattia incurabile di nome degenerazione spinocerebellare, per cui, senza cause apparenti, il cervello va incontro ad un progressivo deterioramento, fino a stati avanzati, in cui la vittima non può compiere i più elementari gesti ed essere autosufficiente. In un primo momento la mamma decide di tener segreto ciò che apprende dal dottore, solo in seguito condividerà il dolore col marito e insieme decideranno di rivelare tutto ad Aya.
Una malattia crudele, che la porterà ad affrontare tantissime difficoltà fisiche e psicologiche: solo il grande supporto della famiglia e degli amici, e la sua innata forza d'animo, la aiuteranno a sopportare prima la sconcertante notizia, poi gli effetti disastrosi che la malattia avrà sul suo giovane corpo.

Lo sapevate?
Il drama è ispirato ai diari tenuti da Aya nel corso della sua malattia, pubblicati poco dopo la sua morte con il titolo "1 litre of tears". Per il messaggio che diffonde con tanta forza: "Il fatto di essere vivi è una cosa di per sè favolosa", è stato ed è di sostegno e aiuto per migliaia di persone. Nella sigla finale sono riportate in sovraimpressione alcune frasi tratte dal libro e molte foto della vera Aya nelle diverse fasi della malattia.

Commento

"Niente di speciale, è solo il ricordo di una ragazza scelta da una malattia particolare..."
Il domani ha sempre impaurito chiunque... E' ignoto, è oscuro, rimane il più delle volte fuori dal limite della nostra conoscenza. Rare volte però capita ad alcune persone di riuscire a far luce su questo limite e quindi di sporgersi dall'altro lato, almeno quanto basta per trovarsi di fronte a tristi orizzonti. Per possedere certi "privilegi" bisogna per forza avere capacità o caratteristiche fuori dal comune? Oppure bisogna aver commesso determinate azioni? La risposta a tutto questo dimora nel corpo di una ragazza che nella sua vita ha semplicemente commesso il "peccato" di amare con tutto il cuore la propria famiglia, e di avere un sorriso sincero...
"One Litre Of Tears" sorprende fin dal primo episodio, catturando l'attenzione di chi lo guarda già dal primo istante. E' una serie molto coraggiosa, almeno quanto la sua piccola grande protagonista, Aya Ikeuchi, interpretata in modo eccelso da Erika Sawajiri. L'interpretazione dei personaggi rimane sempre di buon livello ed il messaggio dell'intero drama viene subito percepito grazie all'aiuto di una colonna sonora che difficilmente non rimarrà nel cuore.
Una storia che insegna a non dimenticare il proprio sorriso, una storia che glorifica tutti quei piccoli grandi eroi che passano inosservati, una storia di realtà che vengono ignorate. Vale sicuramente la pena rivivere i momenti di Aya e compagni, facendo tesoro degli attimi più belli ed imparando a condividerli con gli altri, perché il tempo vola... E questa volta più veloce del solito...